USA e Russia annunciano la Tregua. La Saga della Siria continua…

John Kerry, segretario di Stato americano e Sergej Lavrov, ministro degli Esteri russo, dopo 13 ore di colloqui hanno annunciato nella notte l’ennesima tregua di sette giorni del conflitto in Siria.

Il cessate il fuoco è stato concordato principalmente per permettere l’accesso degli aiuti umanitari nella parte est della città di Aleppo ormai isolata dal resto del paese e martoriata dalle bombe russe e dagli scontri tra l’esercito dei lealisti del presidente Assad e i gruppi ribelli islamisti che hanno la sovranità di questi quartieri ridotti a cumuli di macerie.

Non sono stati resi noti i termini degli accordi, ma sembrano chiari i due principali interessi in gioco. Per gli Stati Uniti non è più necessaria la destituzione di Assad per il raggiungimento della pace così da unire le forze con la Russia e il presidente siriano contro il sedicente Stato Islamico. Potrebbe cadere il tabù Assad portandosi con se tutte le violenze di questi anni di guerra.

Le immagini del conflitto siriano hanno creato un disegno politico non molto definito di una guerra che dura ormai da 5 lunghissimi anni. Una guerra per procura più volte conclamata che ha scavalcato tutte le strutture sovranazionali deputate al mantenimento della pace, a partire dall’ONU, riducendosi ad un accordo a due: Russia e Stati Uniti.

Il diario di geopolitiqui.org si è più volte occupato di Siria dall’inizio della guerra. Ecco i tutti i post sull’argomento dall’inizio del conflitto fino a quest’ultimo annuncio:

Le Bombe Saudite dimenticate in Yemen. Peggio delle Russe in Siria

La guerra in Yemen, all’apparenza dimenticata potrebbe incrementare il numero di profughi verso l’Europa. Dopo 18 mesi di conflitto e con l’appoggio occidentale, l’intensità dei bombardamenti giornalieri sauditi ha superato quello dei russi in Siria.

La Tregua degli Infedeli in Siria

La guerra per procura in Siria, portata avanti dall’Alleanza degli Infedeli, sembra che sia arrivata ad un epilogo. L’ International Syria Support Group, nella città di Monaco di Baviera, ha trovato un accordo. Un’incerta e debole via già minata in partenza.

L’Alleanza degli Infedeli per la Siria

Il destino della Siria dopo gli attentati di Parigi sembra essere risposto nell’Alleanza degli Infedeli contro lo Stato Islamico. Le posizioni contrapposte tra le grandi potenze sembrano convergere. Speriamo solo che non sia un altro fallimento dopo quelli di Afghanistan, Iraq e Libia.

L’Insetto Russo in Siria

In Siria, il costo dell’inazione ha portato alla catastrofe umanitaria. In questo vuoto si inserisce dopo quattro anni il prepotente insetto russo, alleato di Assad. Il cambio di strategia repentino ha infastidito mezzo globo, ma l’insetto russo ha alcune misericordiose e opportunistiche motivazioni.

Tutto Chiacchiere e Distintivo. Le Nazioni Unite e la Siria

Le Nazioni Unite come peritoneo degli escrementi della comunità internazionale in questa Assemblea Generale sulla Siria che certifica l’evidente guerra per procura in atto nel paese Medio Orientale.

La Siria e il Record di Profughi

La Guerra civile in Siria ha condotto quello che l’ Organizzazione Internazionale per le Migrazioni chiama “il più grande movimento di persone dalla seconda guerra mondiale con 8 milioni di profughi interni e 4 milioni di cittadini siriani fuggiti dal paese”.

profughi-interni-mondo-2014-geopolitiqui

Un Selfie dalle Reclute Jihadiste Europee in Siria e Iraq

Come e Perchè gli Occidentali vanno a combattere in Siria e Iraq. Numeri del più veloce reclutamento nella storia dei passati conflitti.

La Libanizzazione della Siria e la lezione di Ginevra

Il fallimento dei colloqui di pace di Ginevra tra Assad e i ribelli e l’analogia tra il conflitto in Siria e la guerra civile libanese del 1975 – 1990.

In Siria si muore. A Ginevra si parla (senza effetto)

Ancora nessuna speranza per la Siria dai colloqui di pace di Ginevra. Il mediatore ONU ammette. Nessun progresso. Ma siamo a quota 130.000 morti.

Per la Siria un probabile aiuto dal Summit di Teheran del Movimento dei Non Allineati

I Paesi Non Allineati verso un Summit che potrebbe essere decisivo per le sorti della Siria e non solo. Stati Uniti e Unione Europea diffidenti, rimangono a guardare.

La Siria e il deserto

Dal 2000 la Siria è guidata dal figlio di Hafiz, Bashar Assad. Se pensiamo anche al tempo in carica del padre, la Siria é guidata dalla stessa famiglia da circa 41 anni…

Sulla via per Damasco

La mappa della guerra civile in Siria prima dell’arrivo del Califfato. Un’affresco di una guerra condotta per procura dai vari attori internazionali  schierati pro o contro il Presidente Bashar al Assad che hanno armato l’una o l’altra parte preparando il terreno ai miliziani dell’ISIS.

(Visited 31 times, 1 visits today)

Autore dell'articolo: Gianlu Pox