Qui non si fa la storia: le false speranze dell’accordo sul nucleare iraniano

Alle 3.00 del mattino di domenica 24 novembre 2013, nella città di Ginevra è stato dato l’annuncio “I nostri eroi ce l’hanno fatta”. A fare cosa? Ancora non è chiaro. L’accordo tra le 6 potenze e l’Iran sullo stop al suo programma nucleare è stato raggiunto, ma ha tutta l’aria di una messinscena internazionale per ridare vigore alla decadente diplomazia mondiale, soprattutto perché tutto può essere ancora bloccato.

Nei post precedenti, sul fronte unico contro l’Iran e sul mondo capovolto alla ricerca dell’accordo con i persiani, sono state dibattute le problematiche e le paure che bloccavano l’importante appuntamento con la storia. Oggi, ad accordo raggiunto,  dovremmo parlare della storicità di questo accordo, ma AAA STORICITA’ CERCASI.

Forse, la cosa più storica è la stretta di mano tra il Segretario di Stato americano John Kerry e il Ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif come spiega International New York Times. Un segno formale di distensione tra i due paesi che sembra sancire una nuova Era.

Altra cosa non certamente storica, ma importante, il congelamento della costruzione del reattore  ad acqua pesante di Arak che una volta messo in funzione sarebbe stato capace di arricchire il plutonio per confezionare l’ordigno atomico. Data di scadenza del congelamento fra 6 mesi poi vediamo. Anche la costruzione di nuove centrifughe sarà congelata. Sempre per 6 mesi poi vediamo.

Del resto, poche storiche novità per l’Occidente. L’Iran manterrà la possibilità di arricchire l’uranio perché lo farà in modo pacifico come spiega debka. com e International New York Times. Il vice – Ministro iraniano Hassan Araghchi ha infatti sottolineato che questo è scritto nel Trattato di non – proliferazione nucleare “agli Stati è permesso di perseguire lo sviluppo pacifico dell’energia nucleare”. Si è scordato, però, di aggiungere che l’Iran non ha MAI firmato il Protocollo Addizionale di quel Trattato, dove viene indicata l’obbligatorietà di ispezioni più intrusive da parte degli ispettori delle Nazioni Unite.

Gli ispettori dell’AIEA, l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, e il suo direttore generale, Yukio Amano, a Ginevra erano presenti, e hanno siglato un accordo con gli iraniani, ma riguardava le “questioni irrisolte” sull’ispezione di alcuni siti nucleari. La miniera di uranio, in prossimità dello stretto Hormuz e il reattore ad acqua pesante di Arak, saranno oggetto di ispezione, ma nessuno vedrà la base militare di Parchin, il luogo possibile dei test nucleari. Già che c’erano, i persiani potevano mettere una bella firma anche sul Protocollo Addizionale e andavano tutti a casa. Perché non è stato fatto?

Altra parte dell’accordo riguarda  la soglia minima di arricchimento che viene stabilità al 5% e non al 3,5%, la percentuale indicata come di “maggiore tranquillità”.

Altro punto oscuro riguarda le scorte arricchite al 20% che sono ad un passo dalla bomba atomica. Dovranno essere riconvertite, recita l’accordo. Dove verranno riconvertite non è noto e quando lo faranno pure.

Praticamente, la Francia di Monsieur Hollande&co. si è calata le brache dopo che nel primo round di negoziati aveva bloccato tutto anche per questo punto. “Se non è noto dove saranno riconvertite le scorte, l’Iran potrebbe continuare ad arricchire queste scorte anche all’estero” avevano obbiettato 15 giorni fa. Questo è un capitolo delle Opere e omissioni di Hollande&co.

L’Iran, dal canto suo, incassa lo sblocco di 4, 5 miliardi dei proventi petroliferi detenuti all’estero, che erano stati bloccati a causa delle sanzioni. Altre 1, 5 miliardi dovrebbero arrivare dall’allentamento delle sanzioni su metalli preziosi, oro, auto e prodotti petrolchimici.

Israele e Arabia Saudita come era previsto, stanno protestando ampiamente contro questo accordo e promettono che se le 6 nazioni non vigileranno, l’opzione militare è l’unica strada per fermare il nucleare iraniano. John Kerry ha promesso che vigilerà e anche lui ha promesso l’opzione militare nel caso l’accordo fallisse. Non ci resta che sperare nei “vigili”.

Ma niente è ancora detto cari Occidentali. Il più grande ostacolo all’accordo di Ginevra sarà a Teheran nella persona più dura e più pura, la guida spirituale iraniana, l’Ayatollah Khamenei che avrà l’ultima parola sul se il secondo round di negoziati a Ginevra ha prodotto un accordo. Nessun altro avrà questo potere, non i Presidenti degli Stati Uniti o della Russia, e non sicuramente i Ministri degli Esteri riuniti nella cittadina svizzera.

Khamenei ha incrementato il suo peso facendosi inavvicinabile, anche per lo stesso presidente iraniano Hassan Rouhani. Così nessuno ha potuto influenzarlo e nessuno ha potuto conoscere il suo pensiero fino a che il testo dell’accordo è stato pronto per la firma. Anche Zarif e Araghchi potrebbero essere costretti a ritirare la loro firma dall’accordo e ritornare a Teheran per consultazioni.

Nell’ipotesi del rifiuto di Khamenei, le sei potenze dovranno decidere se procedere al terzo round di colloqui o valutare a questo punto l’opzione militare.

Nel caso dia la sua benedizione, oltre a controllare che “non cancelli Israele dalle mappe geografiche” le 6 potenze dovrebbero aprire un dialogo molto aperto con l’Iran per far cessare la guerra civile in Siria e il terrorismo in Iraq e Libano. La Repubblica islamica ha molta influenza su Bashar Al – Assad  il Presidente siriano, su Hezbollah in Libano e sulla maggioranza della popolazione irachena che è musulmano sciita.

Trovare una chiave di dialogo tra musulmani sciiti e musulmani sunniti che permetta di pacificare la regione medio – orientale senza arrivare allo scontro totale, dovrebbe essere una delle missioni delle 6 potenze che hanno stretto l’accordo.

Raggiunto questo obiettivo, l’altro passo è cercare di far comunicare persiani e israeliani. La potremmo chiamare l’ultima utopia del Pianeta Terra capovolto. Intanto, fonti di intelligence hanno parlato di “avvoltoi” che stanno sorvolando Teheran nella zona della sede della più grande compagnia petrolifera nazionale del mondo, l’iraniana NIOC. Ecco quali erano le vere intenzioni dell’accordo.

(Visited 160 times, 1 visits today)

Autore dell'articolo: Gianlu Pox