La Fabbrica degli Indesiderabili

I disastri umanitari non sono disastrosi per tutti. Studi di consulenza, gestori di carte di credito, multinazionali dell’arredamento: non appena apre un nuovo campo, le imprese si precipitano ad approfittare di “un’industria dell’aiuto“, il cui giro d’affari è ormai superiore ai 25 miliardi di dollari all’anno.
Nella foto il campo profughi di Dadaab in Kenia: è uno dei più grandi al mondo con 250mila persone.

Iscriviti alla newsletter di Geopolitiqui.org per non perderti neanche un contenuto del diario della geopolitica dal “volto umano”!

(Visited 12 times, 1 visits today)

Autore dell'articolo: Gianlu Pox