Migranti del Golfo. Il Sistema della Schiavitù Moderna

Si chiama Kafala ovvero sponsorizzazione il sistema usato dai cosiddetti paesi del Golfo, Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti (collettivamente Consiglio di Cooperazione del Golfo – CCG) per utilizzare i lavoratori stranieri. Questo strumento economico – sociale lega fortemente il migrante al datore di lavoro.

i-paesi-del-consiglio-di-cooperazione-del-golfo_54b12245d734d

Il primo non può cambiare lavoro e, in alcuni casi, lasciare il paese senza l’autorizzazione del secondo. Anche se illegale, qualche volta avviene che il passaporto viene confiscato per esercitare questo diritto.

La Kafala dona al lavoratore straniero un vantaggio cospicuo rispetto ai locali per il suo ruolo di “schiavo moderno”.Inoltre, la sua paga è di circa il 30% inferiore rispetto ai nativi.

Con l’ulteriore beffa che i migranti non diverranno mai cittadini e non accederanno mai al ricco welfare proposto dai paesi dello CCG, ma potranno lavorare nei loro territori e usati come unità produttiva. 

Il risultato trasuda di evidenza quando vediamo la popolazione del Kuwait che ha un nativo ogni due stranieri. Oppure quando sondiamo la forza lavoro del Qatar o degli Emirati Arabi Uniti affidata per più dell’85% ai cosiddetti non – citizens, non cittadini. In ultima analisi, la popolazione degli Stati dello CCG è costituita da 50 milioni di persone di cui la metà non – citizens.

I promotori del sistema confermano i vantaggi snocciolando l’abbassamento dell’indice dell’ineguaglianza economica nei vari paesi durante gli ultimi anni e la marginalità di guadagno dei lavoratori stranieri che permette con le rimesse estere di aiutare i familiari in patria.

I detrattori confutano le tesi obiettando la violazione dei diritti dei lavoratori senonché la violazione dei diritti umani dovuta alla loro forte limitazione della libertà.

Il sistema ha retto per decenni per merito degli introiti del petrolio che hanno permesso ai nativi di”oziare” alle spalle dei lavoratori stranieri. Purtroppo, le rimesse dell’oro nero sono in caduta libera dal 2014 e probabilmente un nuovo modello di sviluppo urge per non cadere nelle rivolte popolari. Qualcuno mormora che le varie dinastie reggeranno finchè daranno da mangiare ai locali. Le scommesse sono aperte…

(Visited 50 times, 1 visits today)

Autore dell'articolo: Gianlu Pox